Europe, Italy, Milan, Via Bernardino Luini, 5
+39.02.86.99.56.18
segreteria@aclilombardia.it

Il parroco ha deciso: niente sinodo

Il parroco ha deciso: niente sinodo

[Daniele Rocchetti, delegato regionale alla vita cristiana]

Il parroco ha deciso: niente sinodo. Un amico mi racconta che il suo parroco durante un recente incontro ha sostenuto con convinzione l’idea e la volontà di non voler avviare nessuna azione sinodale.

Il sinodo: la confusione regna sovrana

E’ uno dei segnali (non l’unico, evidentemente) della fatica a far “decollare” il cammino sinodale. D’altronde, dopo le celebrazioni di apertura e alcuni momenti pubblici (l’ultimo, quello di sabato, a Milano, molto bello, dove duecento giovani di tutte le province lombarde si sono confrontati con i vescovi), non è ancora chiaro come sarà il percorso di ascolto “dal basso”. La confusione pare regnare sovrana.

Come ha scritto padre Giacomo Costa, direttore di “Aggiornamenti Sociali”: “camminare insieme trasmette immediatamente due caratteristiche fondamentali, tenendole unite. La prima è il dinamismo del movimento, di un processo che punta a un cambiamentoChi vuole che tutto rimanga com’è, non si mette in cammino. La seconda è espressa dalla parola “insieme”: il processo sinodale si pone nella linea della costruzione di un “noi”.

Necessario cominciare

E forse al di là di molte parole rimaste per lo più sulla carta, è la fatica del “noi” a prevalere. Dobbiamo riconoscere che come Chiesa non siamo proprio abituati a discutere e a confrontarci. A tutti i livelli. Non credo sia il caso di fare esempi perché li abbiamo in mente tutti. Eppure bisogna cominciare. E dunque, prima di elencare gli immancabili cahiers de doleance sarebbe opportuno che ad ogni livello (diocesi, Cet, parrocchie, associazioni, gruppi) si cominci a dare parola e ad ascoltare. Anche in questo caso, forse, il processo è più importante del prodotto finale.

Raccontare l’umanità del Vangelo

Con un’avvertenza che sento importante. Il cammino sinodale ha la sua forza se è fatto da cristiani capaci di “andare oltre il proprio ombelico e con analisi auto consolatorie o lamentazione laceranti” (Brunetto Salvarani).Occorre uscire dal recinto, fuori dal tempio, e mettersi in ascolto empatico con un mondo sempre più abitato da donne e uomini che sembrano aver smarrito il senso di Dio ma che custodiscono inquietudini e domande che sarebbe il caso di condividere, di prendere sul serio.

E, umilmente, raccontare loro, meglio se con la vita, l’umanità del Vangelo. L’unica perla preziosa – che nessuno possiede interamente – per questi giorni inquieti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Skip to content

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi